gdpr email

GDPR, lo “SPAM” che non è passato inosservato

28 giugno 2018
SHARE

L’invio delle email informative sull’aggiornamento della legge sulla privacy, entrato in vigore il 25 maggio, è cominciato in sordina, come quegli acquazzoni che cominciano con qualche goccia qua e là e poi di colpo ti inondano e non puoi fare a meno di inzupparti.

Queste email le abbiamo ricevute tutti, le abbiamo odiate, le abbiamo trovate divertenti (alcune) le abbiamo criticate ma le abbiamo aperte e magari pure lette fino alla fine (forse).

È stato interessante notare come ogni brand abbia scelto il proprio tono di voce per inviare quella che, a tutti gli effetti, non era altro che una comunicazione di servizio obbligatoria.

Noi di Contactlab abbiamo voluto raccogliere e analizzare questa tipologia di email e valutarne le differenze. Ne sono emerse delle osservazioni interessanti, perché, ripeto, gli esercizi di stile alla Quenau, su questo argomento sono stati tanti e diversi. Vediamo alcuni esempi insieme.

 

Gli Asettici

Molti brand, come Privalia e Yoox, hanno scelto di inviare una semplice email informativa. La mail di Privalia è piuttosto asciutta, completamente diversa rispetto alle loro solite comunicazioni. Ne riporto il testo:

 

 

privalia gdpr

Privalia

 

 

Questa email svolge egregiamente il suo compito, che è quello di informare sull’aggiornamento e rassicurare i propri clienti. Di certo un testo più caldo, corredato magari da qualche immagine, avrebbe reso il tutto un po’ più ingaggiante. Punti di forza: testo sintetico.

Anche Yoox sceglie una comunicazione breve e diretta ma, a differenza di Privalia, mantiene il proprio layout standard con menu ed headline. Inserire il menu è una buona strategia, dà la possibilità a chi riceve l’email non solo di apprendere la novità, ma anche di fare un giro di shopping se lo si desidera.

Punti di forza: headline teasing e menu

 

yoox gdpr

Yoox

 

I creativi

C’è chi (giustamente) ha colto l’occasione dell’aggiornamento GDPR per fare comunicazione e non soltanto informazione. La Juventus crea una vera e propria email promozionale con tanto di headline e gioco di parole incluso. In prima battuta, il messaggio chiaro e forte è che danno per scontato che l’utente non si lascerà intimidire da un aggiornamento sulla legge della privacy e che quindi acconsentirà ad aggiornare i propri dati. Attenzione però, qui c’è un trucchetto interessante. La call to action non invita direttamente all’aggiornamento ma a provare a vincere la sciarpa con i colori della squadra. Efficace come mossa ma che non rientra proprio in quelle che definiamo best practice.

Punti di forza: il titolo.

 

juventus gdpr

Juventus F.C.

 

Il ristorante di sushi di Milano THISISNOTASUSHIBAR segue il filone della creatività e del premio finale per rendere l’operazione di richiesta del consenso simpatica, amichevole e giocosa. Ecco qui di seguito il testo dell’email e il subject che strizza un po’ l’occhiolino:

Subject: È la mail numero 1000 sul GDPR che ricevi oggi e per la tua pazienza HAI VINTO UN PREMIO

Punti di forza: codice promo

 

this is not a sushi bar gdpr

This is not a sushi bar

 

Poi c’è chi, come il Post, che usa volutamente un tono di voce scanzonato e leggero, molto colloquiale. È quasi una email di scuse, perché a ridosso della data di entrata in vigore della normativa, si presume di non essere arrivati per primi. L’attacco è davvero insolito, la congiunzione esortativa “allora” messa in grassetto e con un corpo più grande rispetto al resto del testo non passa inosservata.

Punto di forza: tono di voce friendly

 

il post gdpr

Il Post

 

Il testo è scorrevole e malgrado la lunghezza invita ad essere letto fino in fondo. Anche la chiusa, a mio parere, non è banale e automatica esprime un sincero ringraziamento.

 

Takeaways

In conclusione, esaminando tutte le email ricevute in queste settimane, si possono distinguere due macro gruppi:

quelli che si sono mossi con largo anticipo e quelli che hanno aspettato l’ultimo momento.

Quelli che hanno “camuffato” questo invio quasi come se fosse una email di re-engagement, e quelli invece che l’hanno interpretata come una email promozionale, inviando anche sconti o gadget.

Quelli che semplicemente informavano della novità, rimandando a visionare la nuova legge, e quelli che invece ne hanno approfittato per richiedere un aggiornamento dei dati.

Alla fine, però, questa operazione, potenzialmente rischiosa per il forte incentivo alla disiscrizione, si è al contrario, rivelata una buona occasione di contatto e quindi di conversione, per chi l’ha gestita come una normale campagna email: con un concetto, un tono di voce e uno stile creativo il più possibile accattivante.

 

 

28 giugno 2018
SHARE
Autore Manuela Armanno Senior copywriter

NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere news e insight sul mondo del customer engagement

© 2018 ContactLab S.p.A. – P.IVA e C.F. 09480090159 - All rights reserved
Questo sito web utilizza dei cookies, anche di terze parti, e altre tecnologie quali il fingerprinting,al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti utili ad indirizzare loro messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso a tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso(ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito.